Text by Wouter Wirth (italian translation by Iacopo Adda)
Press release, Yawp è innocente, 03/04/2016 - 24/05/2016, solo exhibition at Galleria Cart, Monza, I



Who or what is YAWP? A prelingual grunting? The yawning of the world? The laughter of Viktor Chlebnikow?
And why is he, she, or it, innocent?
Alberto Finelli and Evyenia Gennadiou take us to the-beyond of language, into that sphere in which names and
words remain sheer noises, figures remain shapes. The individual signs are not integrated into a binding grammar, but instead open up a
subjective variety of associations. A sphere of naive astonishment, where every thought ever remains in the process of becoming, where meaning
can never be fixed. It is a language with an ever individual vocabulary.
By watching these images, we become children. We point with our fingers at these odd shapes and cry out:
"I see this! I see that!" No image shows just one thing, but many: as many as we care to see.
These pictograms are joined together to a "pictionary". This pictorial vocabulary can be rearranged as pleased into new constellations. It can
create as yet unknown meanings, personal stories. Each image murmurs with the ones hanging next to it. Thereby the artists have created an
autonomous picture language in the truest sense of the word.
But where does YAWP fit in? It is the only image in the exhibition that is framed. None of the others are walled off from the world. The frame
creates a distinction. It becomes a window. We see a bronze round something on black ground, an object in space. A planet? A strange
faraway world? A face? We look at the image and off into the distance: face to face. We look at YAWP, and YAWP looks back at us. What an
uncanny feeling to be watched by something that exceeds us, that we can't get hold of. YAWP is a name. Let's not get carried away by giving it
meaning. Don't forget, it's innocent. Let's keep it like that.



Chi o che cosa è YAWP? Un grugnito antesignano del linguaggio? Lo sbadigliare del mondo?
La risata di Viktor Chlebnikov? E perchè costui, o costei, è innocente?
Alberto Finelli e Evyenia Gennadiou ci portano nel dietro le quinte del linguaggio, in quella dimensione in cui i nomi e le parole rimangono
semplici rumori, e le figure restano forme. I singoli segni non sono integrati in una grammatica vincolante, ma, al contrario, concedono una
soggettiva molteplicità di assonanze. Ne emerge una sfera di ingenuo stupore, ove ogni pensiero è volto al processo del divenire, in cui giammai
il significato può essere determinato.
È un linguaggio con un vocabolario eternamente individuale.
Guardando queste immagini, diventiamo bambini. Indichiamo con le nostre dita queste forme bizzarre e gridiamo: “Vedo questo! Vedo quello!”.
Alcuna di queste immagini ci mostra una cosa soltanto, ma molte allo stesso tempo: tante quante desideriamo vederne. Questi pittogrammi
sono assemblati in un “pittolario”*. Un siffatto vocabolario pittorico può essere riorganizzato a piacere in nuove costellazioni. Può creare
significati sinora sconosciuti, storie personali. Ciascun’immagine mormora con quella appesa accanto. In tal modo gli artisti hanno creato un
linguaggio d’immagine autonomo nel più vero senso della parola.
Ma dove si colloca Yawp? È l’unica immagine della mostra ad essere incorniciata. Nessuna delle altre è isolata, come da un muro, al di fuori dal
mondo. La cornice crea una distinzione. Diventa una finestra. Vediamo un cerchio bronzeo, un qualcosa su fondo nero, un oggetto nello spazio.
Un pianeta?  Uno strano mondo lontano? Un volto? Gettiamo uno sguardo all’immagine e poi oltre, in lontananza: faccia a faccia. Osserviamo
YAWP e YAWP ci osserva di rimando. Che sconcertante sensazione esser guardati da qualcosa che ci supera, e di cui non possiamo entrare
in possesso. YAWP è un nome. Non lasciamoci fuorviare dalla tentazione di dargli un significato.
Non dimenticare, è innocente. Facciamo sì che resti tale. 

*N.d.T. “Pictionary” è il titolo della serie di alcuni lavori presenti in mostra